Pet Lovers car - Defender 90 Soft Top
La storia di questa Defender ha a che fare con l’amore per gli animali e con il piacere di stare all’aria aperta

Tutto nasce in una calda mattina di maggio, quando durante una passeggiata al mare con i suoi cani, un giovane uomo si rende conto che tale passione mal si combinava con la sua nuova Range Rover con i sedili in pelle di serie.
Come conciliare i suoi tre cuccioli, nel pieno delle loro forze e colmi di vitalità, con la sua vettura di rappresentanza appena lucidata e messa a punto per i suoi spostamenti di lavoro?
Ecco che gli si presenta l’occasione di acquistare un Defender 90 Soft top: pensa subito che questa può diventare la vettura dedicata al suo tempo libero, con cui programmare viaggi assieme ai suoi teneri amici a quattro zampe. Ma la Defender non è ancora abbastanza: il suo obiettivo è arrivare ai livelli della Soft top Limited Edition, vettura mai venduta in Italia e difficilissima da reperire anche nel mercato europeo.
La sua fortuna è stata rivolgersi a Simone Grossi di Clinic Car. Simone, con la sua passione per gli allestimenti speciali Land Rover, ha ideato un progetto pensato su misura per lui, ed ha trasformato la sua Defender in una perfetta “Pet Lovers car”.
”La prima cosa da fare era riprogettare la capote dell’auto” - racconta Simone Grossi titolare della Clinic Car - “quella di serie mal si integrava con il Roll-bar che abbiamo sostituito per renderlo più rispondente alla destinazione d’uso della vettura”.
“Le luci frontali sono state potenziate e abbiamo aggiunto un set di fari in modo da rendere la macchina più adatta alle uscite notturne”.
“La nostra scelta è stata quella di utilizzare il roll-bar Land Rover che con pochi movimenti consente di montare e smontare la capote e rimuovere completamente il tettino”.
“Abbiamo allargato la carreggiata con pneumatici e cerchi in lega della Limited edition.”
“Sappiamo tutti che questo modello di Defender non è famoso per il comfort di guida, e a questo proposito abbiamo sostituito il volante, montando un comodissimo OMP più piccolo e maneggevole”.
“Inoltre, sempre per rendere più confortevole il viaggio, abbiamo ricostruito completamente i sedili della vettura utilizzando la pelle, ed abbiamo anche aggiunto una pedana laterale per raggiungere più facilmente la postazione di guida”.
“La personalizzazione del portellone posteriore ha coinvolto principalmente la modalità di apertura: l’obiettivo principale del cliente era quello di trasportare con facilità i suoi cani per cui abbiamo montato lo sportello con cerniere laterali in modo da agevolare l’apertura e la chiusura del vano posteriore.”
“La vera particolarità di quest’auto sta però in un dettaglio - continua Simone - la gabbia per i cani, interamente di alluminio e rivestita con una pellicola simile al carbonio in grado di resistere alle intemperie e al sole, progettata per essere inserita nell’abitacolo. Considerate che eravamo così soddisfatti del progetto che abbiamo voluto “marchiare” la gabbia oltre che con il nostro logo, anche con una incisione di quattro zampe, per indicare che quello spazio è riservato a passeggeri speciali”.